Accademia Pedagogia Viva

Blog

David Bueno è una delle voci più esperte in Spagna quando si parla di emozioni e comportamenti umani. Dottore in biologia, professore e ricercatore presso la Sezione di Genetica Biomedica, Evolutiva e dello Sviluppo dell’Università di Barcellona, ci aiuta a capire come funziona il nostro cervello, come impara, cosa gli piace o come le emozioni lo influenzano.

La sua carriera accademica e professionale si è concentrata sullo studio della genetica dello sviluppo e delle neuroscienze e sul suo rapporto con il comportamento umano, compresi i processi di insegnamento-apprendimento.

Ha pubblicato 20 libri e saggi divulgativi e collabora regolarmente con diversi media.

Attualmente dirige la Càtedra de Neuroeducació UB-EDU1st, la prima al mondo dedicata esclusivamente a questa materia. La sua ultima pubblicazione “El cerebro del adolescente” (Grijalbo Ediciones, 2022) invita a scoprire cosa accade nel cervello dei giovani con l’intento di conoscerli e comprenderli meglio.

Abbiamo parlato con lui per scoprire come le emozioni influiscono nella scelta di una professione e cosa succede al cervello di un adolescente quando si trova in quella situazione.

 I giovani sono e saranno il gruppo più colpito dalla pandemia sia emotivamente che economicamente, secondo le conclusioni di uno studio condotto da ricercatori di sei università spagnole. In che modo questi dati influenzano il momento della scelta di alcuni studi?

È chiaro che c’è stata una certa polarizzazione: alcuni adolescenti hanno sofferto più di altri e questo influenzerà la loro scelta e il futuro che avranno, almeno a breve termine.

Coloro che l’hanno vissuta con tristezza, stress, angoscia e persino depressione, sicuramente non faranno la scelta più appropriata per i loro desideri intrinseci. Sia lo stress che l’ansia agiscono ostacolando il funzionamento del cervello, soprattutto nelle aree riflessive e di pianificazione. E per poter decidere, è necessario riflettere e progettare.

Al contrario, altri giovani l’hanno vissuta con meno stress, o perché sono più resilienti o perché si sono trovati in un ambiente che ha stimolato la loro resilienza. Forse quello che faranno questi ragazzi e ragazze è cercare un futuro più fantasioso, più adatto ai loro bisogni e desideri.

Vedremo una polarizzazione dovuta a come è stata vissuta la situazione e, naturalmente, ci saranno anche molte situazioni intermedie.

Che peso hanno le emozioni quando un giovane decide cosa vuole studiare?

In ogni decisione che prendiamo le decisioni giocano un ruolo cruciale. È stato dimostrato che nel momento giusto per prendere una decisione abbiamo le aree emotive del cervello particolarmente attive, molto attive. Anche quelli razionali, ma un po’ meno. Tutte le nostre decisioni, assolutamente tutte, contengono elementi emotivi.

Nel momento preciso della scelta, è il cervello emotivo che ci guida. E si nutre delle riflessioni che abbiamo fatto prima. Ecco perché è molto importante aiutare i giovani a riflettere prima di scegliere, in modo che attraverso questa riflessione possano scegliere nel miglior modo possibile, non essendo così influenzati dallo stato emotivo di quel momento.

 I cambiamenti emotivi e fisici vissuti dai giovani durante l’adolescenza facilitano o ostacolano il processo decisionale sul loro progetto accademico e professionale?

Fondamentalmente, lo rendono difficile perché le reti neurali che si attivano quando prendiamo una decisione si trovano nella corteccia prefrontale, che è l’area del cervello che subisce più riorganizzazioni durante l’adolescenza, e ciò ne fa diminuire l’efficienza operativa leggermente.

Non è che gli adolescenti non possano decidere, riflettere o pianificare… Certo che possono, ci vuole solo uno sforzo maggiore per decidere in modo riflessivo. È molto importante creare un ambiente favorevole alla riflessione in modo che faciliti il processo decisionale razionale sul progetto accademico e professionale che li soddisferà maggiormente in futuro.

Come prendersi cura dello stato emotivo degli adolescenti e come possono prendersi cura di loro stessi, in un periodo incerto come quello in cui viviamo: pandemia, conflitti internazionali, crisi economica e lavorativa…?

Per prendersi cura dello stato emotivo degli adolescenti in qualsiasi situazione, anche nei periodi di incertezza in cui viviamo, dobbiamo sostenerli emotivamente. Ciò significa fidarsi ed essere vicino a loro in modo che possano fidarsi di noi, ma non essere sopra di loro, non molestarli, non sopraffarli, altrimenti si chiuderanno in sé stessi.

Si tratta di essere loro vicini in modo che quando lo ritengono necessario possano avvicinarsi a noi con fiducia sapendo che ci troveranno più o meno ricettivi. Molte volte ci renderemo conto che quello che fanno è parlare a nome degli altri e raccontare qualcosa che li preoccupa. Dobbiamo creare un ambiente favorevole alla riflessione che richieda fiducia. Per me è il punto chiave. Fidarsi di loro in modo che possano fidarsi di noi e anche fidarsi di più di sé stessi. La fiducia in sé stessi è la chiave per prendere buone decisioni e fare buoni piani per il futuro.

E cosa succede con il processo decisionale dei giovani con problemi di salute mentale?

Anche se questo non è il mio campo di competenza, in quanto biologo e neuroscienziato, posso assicurarvi che una persona emotivamente equilibrata decide molto più razionalmente di una persona con problemi emotivi, e questo dipende dalle reti neurali. I giovani devono saper gestire in una certa misura il proprio stato emotivo. E molte volte, chi soffre di problemi di salute mentale soffre della mancanza, o talvolta addirittura dell’impossibilità, della gestione emotiva, che rende molto meno razionale il processo decisionale.

 È possibile che nei prossimi anni aumenterà la domanda di professioni legate allo stress emotivo vissuto dai giovani? Vedremo più medici, infermieri, epidemiologi o mediatori di pace?

Sono convinto che nei prossimi anni aumenterà la domanda di professioni e professionisti legati alle emozioni, come medici, infermieri, epidemiologi, mediatori di pace o coaches.

Si tratta di professionisti diversi che mirano allo stesso obiettivo: aiutare le persone a capire meglio se stesse. Se non capisci te stesso, ti sarà più difficile gestire la tua vita, pianificare o decidere in modo ponderato e con cognizione di causa, sapendo che quello che stai facendo soddisfa le tue motivazioni e desideri.

Stiamo già assistendo a questo aumento della domanda di professionisti e alla necessità di fornire educazione emotiva durante tutta la formazione. Ad esempio il tutoraggio: qualche anno fa non si svolgevano in molte università e ora stanno diventando sempre più importanti perché si vede che è sempre più importante prendersi cura di sé emotivamente. Prima avevamo bisogno di questa stessa cura emotiva e non veniva valutata allo stesso modo. Ora viene valorizzata nella giusta misura, per l’importanza che gli stati emotivi hanno davvero nel cammino della nostra vita.

David Bueno

Professore e ricercatore nella sezione Genetica biomedica evolutiva dello sviluppo dell’Università di Barcellona. Ha vinto il Premio europeo per la divulgazione scientifica nel 2010 e nel 2018 per l’insegnamento per il suo contributo alla neuroeducazione. In Italia la casa editrice Brucofarfalla ha pubblicato il suo libro “Neuroscienze per educatori”.

https://ilbrucofarfalla.com/prodotto/neuroscienze-per-educatori/

 

 

Fonte: https://www.educaweb.com/noticia/2022/03/30/entrevista-david-bueno-neurocientifico-especialista-comportamiento-humano-20864/

Layer 1